Libri

La Napoli di Elena Ferrante

Che strana la sorte della nostra città. Così eclettica, multiforme, così uguale e diversa da se stessa di quartiere in quartiere. Napoli bacino di cultura e di culture, porto delle più ricche influenze provenienti da tutto il mondo, tanto complessa quanto identitaria. Eppure, la letteratura, soprattutto degli ultimi anni, pare non riesca a collocarla al di fuori di un duplice stereotipo, una doppia cornice che la costringe al lungomare di Posillipo da un lato, alle Vele di Gomorra dall’altro.

È forse anche questo il segreto del successo dei romanzi di Elena Ferrante, della quadrilogia de L’amica geniale, aver spezzato la continuità di questa fastidiosa combinazione. Il mare, dal Rione, infatti, è solo un miraggio al di là del ponte.

I romanzi dell’autrice avvolta nel mistero della propria identità sono, probabilmente, il caso letterario più importante che abbia sconvolto l’editoria italiana e, soprattutto, partenopea, da tempi più o meno recenti. L’eco dei racconti delle avventure che vedono protagoniste due amiche, due bambine, due ragazzine, due donne, insieme lungo il cammino della crescita, è rimbalzata ovunque nel mondo, soprattutto in Gran Bretagna e negli Stati Uniti, tanto da spingere la redazione del Time a inserire il nome della scrittrice tra quelli dei cento personaggi più influenti del globo nel 2016 e invogliare centinaia di turisti a sbarcare alle falde del Vesuvio per scoprire i luoghi della narrazione.

Ma, appunto, la Napoli di Elena Ferrante non è quella elegante e snob del quartiere Vomero, neppure quella solare e colorata della Riviera di Chiaja, tantomeno quella del chiassoso, gioviale e accogliente centro storico con tutte le sue contraddizioni e il suo folklore. Napoli è il Rione  Rione Luzzatti, nel cuore del quartiere di Gianturco – nella piena crudeltà dell’accezione che le attribuiamo, e Rione vuol dire violenza, vuol dire degrado, tanto morale quanto strutturale, con il dialetto unica lingua conosciuta nella sua forma volgare e stonata.

Essere figli del Rione significa non scapparne mai, farne parte per sempre, avere già scritto nel proprio destino il racconto della propria mediocre esistenza. I personaggi che lo abitano sono impegnati come in una danza che li porta a incrociarsi di continuo, a rincorrersi in maniera ossessiva, morbosa, in un susseguirsi di intrighi e di eventi che sfociano spesso in sottili giochi di quartiere o violente esplosioni di affermazione. Lasciare il Rione è possibile, come dimostra uno dei due personaggi protagonisti – la storia coinvolge i membri di circa dieci famiglie – ma il Rione non lascia mai un suo figlio. Torna a galla con una frase sguaiata, un gesto violento che riaffiora automatico, il bene che richiama sempre il male in qualche sua forma.

È straordinaria, l’autrice, nella caratterizzazione dei personaggi, di ogni propria sfaccettatura che inevitabilmente si mischia con quei gesti che sembrano standard, obbligati a chi abita il Rione, come un tatuaggio d’appartenenza. Ed è altrettanto attenta, precisa, nel mostrare lo stupore del “fuori”, quella luce che balza agli occhi una volta varcato il tunnel che porta al mare, a Piazza Garibaldi, alle librerie di Port’Alba, ai negozi eleganti di via dei Mille e Piazza dei Martiri.

Napoli è, allora, finalmente più dolce, libera, fuori dai confini a cui costringe il Rione. E il turista lo avverte sulla propria pelle. La città ha più di due soli volti.

La Napoli di Elena Ferrante
Clicca per commentare

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top